Accordo di ristrutturazione

L’art. 182-bis (aggiunto dal comma 1 dell’art. 2 del dl 35/2005, c.d. “decreto competitività” e sostituito dal co. 4 dell’art. 16 del d. lgs n. 169/2007), attribuisce all’imprenditore in stato di crisi, la facoltà di domandare l’omologazione di un accordo di ristrutturazione dei debiti, stipulato con i creditori rappresentanti almeno il 60% dei crediti, unitamente ad una relazione redatta da un esperto sulla veridicità dei dati aziendali e sull’attuabilità dell’accordo stesso, con particolare riferimento alla sua idoneità ad assicurare l’integrale pagamento dei creditori estranei, nel rispetto dei termini indicati alle lettere a) e b) dello stesso articolo (120 giorni dall’omologazione per i crediti già scaduti a quella data; 120 giorni dalla scadenza per i crediti non ancora scaduti alla data dell’omologazione).